FieraCavalli Verona compie 120 anni e se li porta benissimo

Ve lo immaginate com’era il 1898 a Verona? Niente smartphone, niente televisori, niente condivisioni e niente automobili. Quell’anno a novembre si aprì per la prima volta una fiera, la Grande Fiera Cavalli, ma quell’esigenze di mostrare al mondo il panorama equestre partiva da lontano, già dal lontano 1772 fu costruito il primo quartiere fieristico per cavalli, muli, asini e bardotti. Per oltre cento anni in questo quartiere si svolsero concorsi ippici e si sviluppò il commercio dei migliori cavalli. Poi nel 1898 fu realizzata la prima Fiera dei Cavalli e dell’Agricoltura. In 120 anni ne ha fatta di strada questa fiera diventando nel 1950 una Fiera internazionale affermandosi come una grande manifestazione che attrae esperti e appassionati da tutto il mondo, da ogni latitudine. Dal 1985 ospita il Gala d’Oro, spettacolo equestre di rilevanza internazionale e dal 2001 la Fiera cavalli ospita l’unica tappa del Rolex FEI World Cup Jumping, gran premio internazionale di salto ad ostacoli.

Quest’anno per me è la decima edizione. Anche io nel mio piccolo festeggio la mia prima decade in qualità di appassionato ed esperto del mondo equestre e di tutto ciò che gli ruota attorno. Nelle ultime tre edizioni ho avuto la fortuna di seguire tutti gli eventi come giornalista che insieme ai miei 491 colleghi, di cui 55 stranieri, abbiamo raccontato la fiera, abbiamo vissuto e respirato i 751 espositori e le oltre 200 iniziative tra spettacoli, concorsi, convegni. Un tour de force durato 4 giorni, vissuti intensamente e che non si scordano facilmente. Quest’anno siamo alla 120edisima edizione. Vi aspetto a Fiera Cavalli, vi aspetto a Verona.

Lucio Cetra